ESSENZA

Il progetto di costituzione di una Rete di Giardini delle Essenze in Piemonte è stato proposto nel 2012 dall’Associazione Conservare per Innovare – CXI e dall’Associazione Le terre dei Savoia, con l’intenzione di creare una rete di beni culturali, paesaggistici, a fruizione anche digitalizzata; in particolare la rete contempla giardini che si caratterizzano per la coltivazione di erbe aromatiche, di piante officinali e di colture orto-frutticole di antica tradizione, promuovendo un sistema integrato tra patrimonio culturale ed economia locale attraverso il recupero di alcuni beni paesaggistici e architettonici, già rappresentativi dell’identità culturale del luogo, destinati a diventare poli di attrazione culturale e turistica sul territorio.

L’intera iniziativa rientra in un piano integrato di sviluppo con l’obiettivo di creare un percorso di accompagnamento reciproco tra l’economia locale, la vocazione agricola storica del territorio ed il patrimonio culturale, realizzando, attraverso molteplici progetti, un modello di fruizione dinamica degli attrattori culturali in sinergia con le realtà produttive locali

Di particolare rilievo, a questo proposito, sono stati:

  • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, Programma Alcotra 2007 – 2013: cooperazione Italia-Francia, per la valorizzazione dei prodotti artigianali naturali per il benessere della persona e dei prodotti alimentari dell’area transfrontaliera mediante strategie di marketing innovative.
  • POR FESR 2007-’13 Regione Piemonte. Asse III “Riqualificazione territoriale” – Attività “Tutela dei beni ambientali e culturali”
  • COMPAGNIA DI S.PAOLO: bando Le risorse culturali e paesaggistiche del territorio. Una valorizzazione a rete: il progetto “Essenza del territorio” è tra i 16 beneficiari finali dei 160 gruppi che hanno partecipato alla 1° ed. del bando

Le iniziative previste dal progetto sono localizzate nel cuore agricolo del Piemonte, nella fertile pianura del Regno Sabaudo, che vanta un background storico-culturale ed economico di rilievo.

Il percorso parte dal Polo Archeologico di Bene Vagienna, dove è stato realizzato un Orto ornamentale romano nel cuore della Riserva Naturale, ispirato ai giardini romani del I-II secolo. Nell’area di pertinenza dei Castelli di Lagnasco il progetto ha previsto l’introduzione di un Giardino didattico delle Essenze sul modello del giardino rinascimentale, in cui la coltivazione di erbe aromatiche, di piante officinali e di colture orto-frutticole ripropongono il tema del giardino con scopi produttivi, testimoniato dai magnifici apparati pittorici del maniero. Si raggiunge quindi il parco del Castello di Racconigi, sede per due secoli dell’azienda agricola della «Real Casa», nel periodo dell’innovazione agricola carloalbertina, che portò a rendere auto-sostenibile la grande proprietà; qui è stato restaurato il Giardino delle Peonie, grazie ad interventi di manutenzione straordinaria finalizzati, a garantire la qualità dell’offerta turistica della residenza sabauda.

Il percorso si sta arricchendo con l’inserimento di altri siti all’interno della rete, tra cui il Giardino dei Sensi realizzato presso Palazzo Taffini d’Acceglio di Savigliano, sede del Musès- Accademia europea dei Profumi, polo tecno- sensoriale che propone un viaggio attraverso i saperi dell’arte profumiera, i sapori e le essenze dei territori.

ESSENZA 2A completare il quadro si propone un progetto di valorizzazione che, al fine di far emergere il forte carattere identitario radicato sul territorio dell’iniziativa, si avvarrà di due programmi di promozione e valorizzazione aventi l’obiettivo di incrementare la fruibilità e la conoscenza dei luoghi:

– “Cantierando l’ESSENZA”, una programmazione di visite-studio, laboratori tematici, workshops e incontri pubblici nei siti interessati dagli interventi e facenti parte della rete, condotti dall’Associazione culturale “Conservare per Innovare”;

– “EsSENZA WEB”, un sistema di fruizione digitale, dotato di un portale web connesso con la piattaforma www.visitterredeisavoia.it e una Mob-App georeferenziata per smartphone e tablet, che suggerirà percorsi di conoscenza del territorio, con il coinvolgimento della molteplicità dei soggetti economici presenti, approfondimenti culturali insieme ai dati sulla ricettività turistica ed ai percorsi enogastronomici. Gli itinerari e le attività sono infatti supportati da connettività Internet, data base dedicato, piattaforma e una Web-App georeferenziata, in grado di assicurare un completo sistema di valorizzazione e fruizione digitale ed una continua interazione con l’utenza.

Enti del raggruppamento:

Associazione Culturale “Conservare per Innovare” (Ente capofila)

Associazione “Le Terre dei Savoia”

Comune di Racconigi

Comune di Lagnasco

Ente di gestione del Parco naturale del Marguareis

Partner di progetto:

– Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

– Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Provincie di Torino, Asti, Cuneo, Biella, Vercelli

 

Approfondisci i progetti:

ORTO ROMANO GIARDINO DELLE ESSENZE GIARDINO DELLE PEONIE GIARDINO DEI SENSI